David di Michelangelo - David di Michelangelo Firenze - Firenze David di Michelangelo - David Michelangelo Firenze - Statua del David Firenze


Hotel a Firenze

HOTEL A FIRENZE

| Home Page | Aggiungi ai preferiti
Firenze Firenze - Piazza del Duomo Firenze Ponte Vecchio Firenze - David di Michelangelo Firenze - Palazzo Vecchio Firenze - Santa Maria Novella Giardino di Boboli a Firenze


DAVID DI MICHELANGELO


David diMichelangelo: La statua più famosa di Michelangelo Buonarroti

David di Michelangelo - ParticolareIl David, conservato alla Galleria dell’Accademia di Firenze, venne scolpito nel 1504 da Michelangelo Buonarroti su commissione dell’Opera del Duomo. La colossale statua del David è alta 4,23 metri e va ricordato che fu scolpita dal maestro Buonarroti da un unico blocco di marmo; una leggenda narra che Michelangelo Buonarroti utilizzò un blocco di marmo situato nel cortile dell’Opera del Duomo abbandonato dal collega Agostino di Duccio.
Il popolo fiorentino approvò la decisione presa dalla commissione composta da Leonardo da Vinci, Sandro Botticelli, Giuliano Da Sangallo e Filippino Lippi di collocare la statua colossale in Piazza della Signoria come simbolo della libertà della Repubblica.

Nel 1873 la statua del David di Michelangelo Buonarroti fu trasferita all’interno della Galleria dell’Accademia per preservarla dalle intemperie e dagli atti vandalici, nella Galleria dell’Accademia di Firenze l’architetto Emilio De Fabbris progettò appositamente la Tribuna per dare maggior risalto all'opera. In Piazza della Signoria possiamo ammirare una copia del David originario.
Il David di Michelangelo Buonarroti è da ritenersi la prima statua nuda del periodo rinascimentale, destò David di Michelangelomeraviglia per l’impatto violento che mostra il giovane eroe ma anche scalpore perché era un eroe nudo. Giorgio Vasari scrisse del David di Michelangelo nelle Vite de' più eccellenti architetti, pittori et scultori italiani:
“E veramente che questa opera ha tolto il grido a tutte le statue moderne et antiche, o greche o latine che elle si fossero....Perché in essa sono contorni di gambe bellissime et appiccicature e sveltezza di fianchi divine, né grazia che tal cosa pareggi, né piedi né mani né testa che a ogni suo membro di bontà, d'artificio e di parità né di disegno s'accordi tanto.E certo chi vede questa non dee curarsi di vedere altra opera di scultura fatta nei nostri tempi o negli altri da qual si voglia artefice”

La definizione estetica di “bellezza maschile” viene rinnovata con il David, questo accade perché è con il Rinascimento che si inizia a dipingere e a scolpire “il reale”, ovvero le opere rinascimentali si contraddistinguono per l’attenta analisi dei particolari anatomici. Nel caso del David questa analisi si nota nella torsione del collo attraversato da una vena e dalla struttura dei tendini, nelle vene sulle mani e sui piedi, dalla tensione muscolare delle gambe e la perfetta muscolatura del torso. Il David di Michelangelo è l’emblema della “forza”, come tale presenta lo sguardo fiero e concentrato rivolto al nemico (leggenda di Davide e Golia), le ciglia aggrottate e le narici dilatate.
Nel 2003 è stato effettuato un intervento di restauro alla statua del David di Michelangelo Buonarroti, intervento necessario alla ripulitura della statua dalle macchie scure ed è stato definito un programma di monitoraggio a cui la statua sarà sottoposta ogni anno per far sì che anche i posteri beneficino di quest’opera colossale.

Il genio chiamato Michelangelo Buonarroti:

  • 6 marzo 1475 nascita di Michelangelo Buonarroti a Caprese (Ar);
  • 1488 inizia a studiare nella bottega di Domenico e David Ghirlandaio;
  • Pochi anni dopo abbandona il Ghirlandaio per seguire Bertoldo di Giovanni (allievo di Donatello), crea Eros alato con faretra che farà parte della Collezione di Urbino della Granduchessa di Ferrara;
  • Diventa scultore di corte di Lorenzo il Magnifico;
  • Alla morte di Lorenzo il Magnifico frequenta gli ambienti veneziani e bolognesi;
  • Torna a Firenze nel giugno del 1495 ospite di Lorenzo di Pierfrancesco de’ Medici (Popolano), crea il Cupido dormiente che verrà acquistato dal Cardinale Riario nipote del Papa Sisto IV; per il Cardinale Riario crea anche il Bacco;
  • Nel 1498 scolpisce per il Cardinale Bilhères de Lagraulas, Ambasciatore di Carlo VIII, Michelangelo la famosa Pietà
  • Realizza la decorazione scultorea dell’Altare Piccolomini a Siena;
  • Realizza il David di marmo per la Chiesa di Santa Maria del Fiore a Firenze;
  • Realizza il David di bronzo per il maresciallo Pierre de Rohan,
  • Realizza dodici statue di apostoli per l’Opera del Duomo di Firenze;
  • Realizza il David in marmo da collocare in Piazza della Signoria a Firenze;
  • Nel 1503 Papa Giulio II della Rovere commissiona a Michelangelo Buonarroti la sua tomba collocata in San Pietro in Vincoli e la volta di quella che era la cappella privata di Sisto IV della Rovere, la Cappella Sistina (1508-1512);
  • 1503 dipinge la Sacra famiglia con S. Giovannino e Ignudi (Tondo Doni) conservato alla Galleria degli Uffizi di Firenze;
  • 1504 Michelangelo Buonarroti dipinge il Tondo Pitti conservato al Museo Nazionale del Bargello;
  • 1504 Michelangelo Buonarroti dipinge il Tondo Taddei;
  • Realizzerà il Mosè, i due Prigioni ammirabili al Louvre di Parigi;
  • Papa Leone X de’ Medici commissiona al Buonarroti la realizzazione della facciata della Chiesa di San Lorenzo e della Sagrestia Nuova sempre in San Lorenzo;
  • Costruisce per Papa Clemente VII de’ Medici la Biblioteca Laurenziana;
  • Nel 1532 Michelangelo si trasferisce a Roma perché gli viene commissionato il Giudizio Universale;
  • Michelangelo a Roma si occupa anche della sistemazione della Piazza del Campidoglio, la direzione della fabbrica di San Pietro ed il completamento di Palazzo Farnese;
  • Il 18 febbraio 1564, viene trovato morto davanti al suo ultimo capolavoro la Pietà Rondinini.

Pietà di Michelangelo

Informazioni utili:
David di Michelangelo – Firenze
Galleria dell’Accademia – Firenze
Tribuna del David

21/11/2017 10:48:13 | La riproduzione anche parziale di questo sito è Vietata | Contatti Hotel Firenze Contatti